mercoledì 30 dicembre 2015

Il riassunto della stagione 2015: The best of the rest



Questo post ha una doppia valenza.

Lo considero un utile archivio di tutti i campionati 2015 che non ho studiato a fondo e sui quali non ho scritto alcun riassunto, per mancanza di tempo (Per quelli che invece ho fatto, in questo post trovate tutto quello che c'è da sapere). Spero nel 2016 di poter superare la soglia dei 50 post riassuntivi, aggiungendo sicuramente anche quei campionati che hanno scelto un calendario di tipo calcistico (come la Formula E, oppure la Asian Le Mans Series).

Tuttavia, considero questo post anche una prova dell'assurdo proliferare di campionati automobilistici in questo pianeta. Il mio sogno è di avere a che fare con griglie sempre superiori alle 20 unità, con rally sempre affollatissimi e, in definitiva, con meno serie. Posso dire con assoluta certezza che nell'elenco che seguirà mancherà certamente qualche voce, e che probabilmente qualcuna delle presenti meriterebbe più visibilità.

In ogni caso mi sono posto un limite di 150 corone da elencare, perché altrimenti la ricerca diventerà mooolto lunga...

Vabbèh, cominciamo. La facciamo semplice: campionato, vincitore, e eventuale modello di vettura. Via!

Italia
Campionato Italiano WRC - Manuel Sossella/Gabriele Falzone - Ford Fiesta
Trofeo Rally Terra - Mauro Trentin/Alice De Marco - Peugeot 207
Campionato Italiano Cross Country - Lorenzo Codecà/Bruno Fedullo - Suzuki Grand Vitara 6V
Campionato Italiano Slalom - Fabio Emanuele - Osella PA 9-90
Green Hybrid Cup - Giulio Tommasin
Clio Cup Italia - Simone Iacone
Trofeo Abarth Italia - Juuso Pajuranta (FIN)
Seat Leon Cup Italia - Jonathan Giacon
Seat Ibiza Cup - Alberto Bassi
Mini Challenge - Ivan Tramontozzi
Ginetta G50 Cup - Manuel Lasagni
F2 Trophy - Marco Zanasi
Lotus Cup Italia - Franco Nespoli
Formula Junior - Marco Visconti
Rally Nazionali Zona 1 - Simone Miele - Ford Fiesta
Rally Nazionali Zona 2 - Jacopo Araldo/Lorena Boero - Peugeot 207
Rally Nazionali Zona 3 - Claudio De Cecco
Rally Nazionali Zona 4 - Rudy Michelini - Citroen DS3
Rally Nazionali Zona 5 - Andrea Minchella/Cristian Garzuoli - Ford Fiesta
Rally Nazionali Zona 6 - Giuseppe Nucita - Renault Clio
Rally Nazionali Zona 7 - Maurizio Diomedi - Ford Fiesta



Monoposto
F.Renault 2.0 Alps - Jack Aitken (GBR)
F.Renault 2.0 NEC - Louis Deletraz (SWI)
All-Japan F3 - Nick Cassidy (NZL)
Australian F3 - Ricky Capo (AUS)
F3 Brasil - Pedro Piquet (BRA)
Toyota Racing Series - Lance Stroll (CAN)
Formula Masters China - Martin Rump (EST)
MRF Challenge F2000 - Toby Sowery (GBR)
Atlantic Championship - Keith Grant (USA)
F4 Sudamericana - Pedro Cardoso (ARG)
French F4 Championship - Valentin Moineault (FRA)
Asian F.Renault 2.0 - Dan Wells (GBR)
US F1600 - Scott Andrews (AUS)
Australia Formula Ford - Cameron Hill (AUS)
F.Renault 2.0 Argentina - Martin Moggia (ARG)
VdeV Monoplace - David Droux (SWI)

GT
24H Series - Chantal Kroll (SWI) - Mercedes SLS AMG GT3/BMW E46 M3 Coupe
ADAC GT Masters - Sebastian Asch/Luca Ludwig (GER/GER) - Mercedes SLS AMG GT3
British GT - Andrew Howard/Jonny Adam (GBR/GBR) - Aston Martin V12 Vantage
GT4 European - Marcel Nooren/Jelle Beelen (NED/NED) - Chevrolet Camaro GT4
Australian GT - Christopher Mies (GER) - Audi R8 Ultra
FFSA GT - Sebastian Dumez/Raymond Narac/Olivier Pernaut (FRA/FRA/FRA) - Porsche 911 GT3
C.Endurance VdeV - J.B. Bouvet/J.P. Pagny/Thierry Perrier (FRA/FRA/FRA) - Ferrari 458 Italia
GT Asia - Darryl O'Young (HKG) - Aston Martin V12 Vantage



Touring Cars
European Touring Car Cup TC2 Turbo – Davit Kajaia (GEO) - BMW 320 TC
European Touring Car Cup TC2 - Michal Matějovsky (CZE) - BMW 320si
European Touring Car Cup Super 1600 – Miklas Mackschin (GER) - Ford Fiesta 1.6 16V
European Touring Car Cup Single-makes - Dušan Borković (SRB) - Seat Leon Cup Racer
Scandinavian Touring Car Championship - Thed Björk (SWE) - Volvo S60
Danish Thundersport Championship - Casper Elgaard (DEN) - Ford Mustang
Russian Circuit Racing Series Touring - Aleksey Dudukalo (RUS) - Seat Leon Cup Racer
ADAC Procar Series - Division 1 - Fredrik Lestrup (SWE) - Mini JC Works
ADAC Procar Series - Division 2 - Ralf Glatzel (GER) - Ford Fiesta 1.6 16V
ADAC Procar Series - Division 3 - Steve Kirsch (GER) - Mini JC Works
Brasileiro de Marcas - Ricardo Mauricio (BRA) - Honda Civic
Campeonato Brasileiro de Turismo - Marcio Campos (BRA) - JL

Rally
FIA R-GT Cup - Francois Delecour (FRA) - Porsche 997 GT3
FIA European Rallycross Championship – Super1600 - Jānis Baumanis (LAT) - Peugeot 208
FIA European Rallycross Championship – Touringcar - Fredrik Salsten (SWE) - Peugeot 208
FIA European Rallycross Championship – Supercar ERX - Tommy Rustad (DEN) - VW Polo
Global RallyCross Championship - SuperCars - Scott Speed (USA) - VW Beetle
Global RallyCross Championship - GRC Lites - Oliver Eriksson (SWE)
FIA European Autocross Championship Superbuggy - Bernd Stubbe (GER)
FIA European Autocross Championship Buggy1600 - Johny Feuillade (FRA)
FIA European Autocross Championship Touring - Otakar Výborný (CZE)
Cross Country World Cup - Nasser Al-Attiyah (QAT) - Mini All4 Racing X-Raid
USAC Silver Crown - Kody Swanson (USA)
Traxxas TORC - C.J. Greaves (USA)
Speed Energy Formula - Sheldon Creed (USA)



Ferrari Challenge
Trofeo Pirelli Europe - Bjorn Grossmann (GER)
Trofeo Pirelli AM Europe - Alessandro Vezzoni (ITA)
Coppa Shell Europe - Jacques Duyver (BEL)
Trofeo Pirelli North America - Emmanuel Anassis (CAN)
Trofeo Pirelli AM North America - Mike Zoi (USA)
Coppa Shell North America - Jean-Claude Saada (USA)
Trofeo Pirelli Asia-Pacific - Renaldi Hutasoit (INA)
Trofeo Pirelli AM Asia-Pacific - Wei Xu (CHN)
Coppa Shell Asia-Pacific - Xin Jin (CHN)

Porsche World
Carrera Cup Australia - Nick Foster (AUS) - Porsche 911 GT3
Carrera Cup Germany - Philipp Eng (AUT) - Porsche 911 GT3
Carrera Cup Great Britain - Dan Cammish (GBR) - Porsche 911 GT3
Carrera Cup France - Maxime Jousse (FRA) - Porsche 911 GT3
Carrera Cup Asia - Chris Van der Drift (NZL) - Porsche 911 GT3
Carrera Cup Japan - Yuya Motojima (JAP) - Porsche 911 GT3
Carrera Cup Scandinavia - Johan Kristoffersson (SWE) - Porsche 911 GT3
GT3 Cup Brazil - Ricardo Rosset (BRA)
GT3 Cup Australia - Ryan Simpson (AUS)
GT3 Cup Central Europe - Rafal Mikrut (POL)
GT3 Cup Middle East - Clemens Schmid (AUT)
GT3 Cup USA Gold - Jeff Mosing (USA)
GT3 Cup USA Platinum - Elliot Skeer (USA)
GT3 Cup Canada Gold - Orey Fidani (CAN)
GT3 Cup Canada Platinum - Chris Green (CAN)

NASCAR WORLD
NASCAR Canadian Tire - Scott Steckly (CAN) - Dodge
NASCAR K&N Pro East - William Byron (USA) - Chevrolet
NASCAR K&N Pro West - Chris Eggleston (USA) - Toyota
NASCAR Mexico - Ruben Garcia Jr (MEX) - Toyota
NASCAR Whelen Modified - Doug Coby (USA) - Chevrolet
NASCAR Whelen Southern Modified - Andy Seuss (USA) - Chevrolet
NASCAR Whelen All-American - Lee Pulliam USA) - Chevrolet
ARCA Racing Series - Grant Enfinger (USA) - Chevrolet SS

Argentina
Súper Turismo Competición 2000 - Néstor Girolami (ARG) - Peugeot 408
Turismo Competición 2000 - Gianfranco Collino (ARG) - Fiat Linea
Top Race V6 - Matías Rodríguez (ARG) - Mercedes C-204
TC Pista - Esteban Gini (ARG) - Torino Cherokee
TC Mouras - Julian Santero (ARG) - Chevrolet Chevy
TC Pista Mouras - Sebastian Reynoso (ARG) - Ford Falcon



United States of GTs & TCs
Pirelli World Challenge GT - Johnny O'Connell (USA) - Cadillac ATS-V.R GT3
Pirelli World Challenge GTA - Frank Montecalvo (USA) - Mercedes SLS AMG GT3
Pirelli World Challenge GT CUP - Colin Thompson (USA) - Porsche 911 GT3
Pirelli World Challenge GTS - Michael Cooper (USA) - Chevrolet Camaro Z28
Pirelli World Challenge TC - Corey Fergus (USA) - Porsche Cayman
Pirelli World Challenge TCA - Jason Wolfe (USA) - Kia Forte Koup
Pirelli World Challenge TCB - Johan Schwartz (DEN) - Chevrolet Sonic
Trans-Am TA - Amy Ruman (USA) - Chevrolet Corvette
Trans-Am TA2 - Gar Robinson (USA) - Chevrolet Camaro
Trans-Am TA3-I - Lee Saunders (USA) - Dodge Viper
Trans-Am TA3-A - Ernie Francis Jr. (USA) - Chevrolet Camaro
Continental Tire SportsCar Challenge GS - Andrew Davis/Robin Liddell (USA/GBR) - Chevrolet Camaro
Continental Tire SportsCar Challenge ST - Stevan McAleer/Chad McCumbee (GBR/USA) - Mazda MX-5



Drifting
Formula D - Fredric Aasbø (NOR) - Scion tC
D1 Grand Prix - Masato Kawabata (JAP) - GReddy R35 GT-R

Monomarca e altri
FIA International Hill Climb Cat.1 Prod. - Armin Hafner (ITA) - Mitsubishi Lancer Evo VIII
FIA International Hill Climb Cat.1 E1 - Ronnie Bratschi (SWI) - Mitsubishi Lancer Evo VIII
FIA International Hill Climb Cat.2 - Vaclav Janik (CZE) - Norma M20
FIA European Hill Climb Cat.1 - Igor Stefanowski (MAC) - Mitsubishi Lancer Evo IX
FIA European Hill Climb Cat.2 - Simone Faggioli (ITA) - Norma M20
Formula Truck - Leandro Totti (BRA) - VW
Radical Enduro - David Lidbetter/Scott Mansell (GBR/GBR)
Radical European Masters - Ross Kaiser/Terrence Woodward (GBR/GBR)
Radical European Masters Supersport - Marco Cencetti/Marcello Marateotto (ITA/ITA)
Audi Sport TT Cup - Jan Kisiel (POL)
Audi R8 LMS Cup China - Alex Yoong (MAL)
Lamborghini Super Trofeo Asia - Afiq Yazid (MAL) - Huracan LP620-2 Super Trofeo
Maserati Trofeo - Romain Monti (FRA) - Maserati GT Trofeo
New Zealand V8 - Jason Bargwanna (NZL) - Toyota Camry
Toyota Finance 86 Championship - Tom Alexander (NZL) - Toyota 86
V8 SuperTourers - Simon Evans (NZL) - Pace Innovations-Chevrolet
Dunlop V8 Supercar Series - Cameron Waters (AUS) - Ford FG Falcon
Trofeo Abarth Europe - Niklas Lilja (SWE) - Abarth 695 Assetto Corse Evo
Ginetta GT4 Supercup - Tom Oliphant (GBR)
Mercedes Challenge Brasil - Fernando Junior (BRA)
BMW M235i Racing Cup Belgium - Maciej Dreszer/Stephane Kox (POL/NED)
Caterham Superlight R300-S - David Robinson (GBR)
RCZ Racing Cup France - Aurelien Comte (FRA)
VdeV Endurance Proto - Thomas Accary/Kevin Besancon/J.L. Foubert (FRA/FRA/FRA) - Norma M20
VdeV Funyo Challenge - Romain Houllier (FRA)
VLN Langstrecken Meisterschaft - Dirk Groneck/Tim Groneck (GER/GER) - Renault Clio
VLN Produktionswagen Trophae - Stefan Van Campenhoudt (BEL) - BMW 325i


martedì 29 dicembre 2015

Tutti i campionati automobilistici 2015 - Season Review


Questa è stata una stagione strana. Per certi versi indimenticabile, con il mondo dell'endurance e delle GT rinato e pronto a rilanciarsi ancora di più nel 2016. Per alcuni è stata di transizione, con la Ferrari ancora a inseguire la Mercedes in F1, con la Volkswagen senza avversari nel Mondiale Rally e con i due maggiori campionati turismo in guerra senza mai dichiararlo apertamente.

Poi c'è stato l'addio a Jules Bianchi e a Justin Wilson, ed è anche per loro che molti piloti sono tornati in pista, cercando di onorarli accumulando vittorie e punti, forse scacciando la paura per uno sport che non si può considerare sicuro al cento per cento, o forse semplicemente per onorare due straordinarie vite da corsa.

Il mio blog, con semplicità e passione, si è schierato come sempre dalla parte dei piloti, raccontando il più possibile delle loro gesta in questa stagione. Ed ecco così formarsi un nuovo riassunto dei riassunti, quest'anno giunto a 50 post per 61 campionati differenti.



Troppi campionati, dite? Bèh, la diaspora non si è fermata. Senza nulla togliere a chi in questo elenco non è presente, ecco a voi tutti i riassunti dei più importanti campionati automobilistici che hanno solcato circuiti e terreni in questo 2015:

Mondo F1
F1 - Le pagelle irridenti
GP2
GP3

Endurance & GT
WEC (World Endurance Championship)
ELMS (European Le Mans Series)
TUSC (Tudor United Sportscar Championship)
BES (Blancpain Endurance Series)
BSS (Blancpain Sprint Series)
International GT Open

Road To Indy
Indycar
Indy Lights
Pro Mazda - US F2000

NASCAR
Sprint Cup Series
Xfinity Series
Camping World Truck
Whelen Euro Series

Rally Cars
WRC
WRC-2 - WRC-3
ERC - APRC - ARC - CODASUR - MERC - NACAM
WRX (World RallyCross)

Touring Cars
WTCC (World Touring Car Championship)
TCR International Series
BTCC (British Touring Car Championship)

Road to F1
Formula Renault 3.5
Super Formula
FIA European F3 Championship
Euroformula Open
Eurocup Formula Renault 2.0
ADAC F4
Altri Campionati Nazionali F4

Inimitabili
Super GT
DTM
V8 Supercars
Stock Car Brazil
Turismo Carretera ACTC
ETRC (European Truck Racing Championship)
BOSS GP

Monomarca
Porsche Supercup
Super Trofeo Lamborghini
Renault Sports Trophy
Eurocup Seat Leon

Campionati Italiani
C.I. GT
C.I. Rally
C.I. Sport Prototipi
C.I. Turismo Endurance
C.I. Velocità Montagna
Mitjet Italian Series
C.I. F4
Carrera Cup Italia

Altri
The Best of the Rest

Per chi volesse tornare ancora più indietro... Ecco qui tutti i riassunti del 2014 by Piloti e Motori.


Il riassunto della stagione 2015: WRC-2 e WRC-3

I campionati di contorno del WRC 2015 sono stati contraddistinti da un talento e da una certezza. Il talento è un francese nato nel 1989 che ha vinto con ampio margine sia il WRC-3 sia la classifica Junior: si chiama Quentin Gilbert. Mentre la certezza è un campione olimpico del Qatar che ha fatto suo il WRC-2 e il MERC, cioè Nasser Al-Attiyah.

Al-Attiyah aveva già vinto il WRC-2 nel 2014, e quindi questa è una conferma per un pilota che ha sia i mezzi economici necessari per disporre delle migliori vetture sia il talento per poterle portare alla vittoria. Le sue imprese alla Dakar non sono certo arrivate per caso! In questo 2015 Al-Attiyah, navigato dal francese Matthieu Baumel, è stato l'unico a centrare tre vittorie. Nelle sette gare del Mondiale disputate (sulle 13 totali) il pilota del Qatar ha concluso sei volte a punti, con un 5° posto come peggior risultato. Nel 2016 non potrà però difendere questo titolo, perché sarà impegnato nella preparazione alla gara olimpica del Tiro al Piattello, nella quale sarà chiamato a una riconferma dopo il bronzo conquistato a Londra.



Al secondo posto nel WRC-2 si è piazzato l'equipaggio ucraino Yuriy Protasov/Pavlo Cherepin. Per Protasov è il miglior risultato di sempre nella serie, ottenuto con buoni piazzamenti e una vittoria di classe al Rally di Sardegna, sempre alla guida di una Ford Fiesta RRC.



Esapekka Lappi, campione ERC 2014, è arrivato invece terzo con la sua Skoda Fabia. Un risultato positivo che in realtà nasconde della delusione, visto che nei 7 rally disputati sono arrivate due vittorie e due secondi posti. Un ruolino di marcia che purtroppo è stato rovinato da altri tre risultati mediocri; ci fosse stata una maggior costanza da parte sua la leadership di Al-Attiyah sarebbe stata maggiormente in pericolo.



Nel campionato, per quanto riguarda le iscrizioni un po' frammentario vista la regola che obbliga i piloti a poter partecipare al massimo a 7 gare mondiali su 13, ci sono stati ben 10 vincitori differenti. Oltre ai piloti sul podio finale, già citati, hanno vinto una gara anche Abdulaziz Al-Kuwari/Marshall Clarke (Ford), Pontus Tidemand/Emil Axelsson (Skoda), Jari Ketomaa/Kaj Lindstrom (Ford), Jan Kopecky/Pavel Dresler (Skoda), Teemu Suninen/Mikko Markkula (Skoda). Julien Maurin/Nicolas Klinger (Ford) e Stephane Lefebvre/Stephan Prevot (Citroen). Tra questi il più giovane è Teemu Suminen, finlandese classe '94.

Per gli italiani spicca il secondo posto di classe di Andreucci/Andreussi al Rally di Sardegna, anche se in classifica sono stati sopravanzati da Gianluca Linari/Nicola Arena. I due hanno vinto il titolo Produzione 2015 con la loro Subaru Impreza WRX STi. Classificati anche Max Rendina (navigato prima da Mario Pizzuti e poi da Emanuele Inglesi) Simone Tempestini/Matteo Chiarcossi e Marco Vallario/Manuela Di Lorenzo.




Classifica finale WRC-2 - top 20 (tra parentesi il numero di vittorie):
Nasser Al-Attiyah/Matthieu Baumel (QAT/FRA - Ford/Skoda) 112 (3)
Yuriy Protasov/Pavlo Cherepin (UKR/UKR - Ford) 90 (1)
Esapekka Lappi/Janne Ferm (FIN/FIN - Skoda) 88 (2)
Abdulaziz Al-Kuwari/Marshall Clarke (QAT/GBR - Ford) 87 (1)
Pontus Tidemand/Emil Axelsson (SWE/SWE - Skoda) 86 (1)
Jari Ketomaa/Kaj Lindstrom (FIN/FIN - Ford) 67 (1)
Jan Kopecky/Pavel Dresler (CZE/CZE - Skoda) 58 (1)
Craig Breen/Scott Martin (IRL/GBR - Peugeot) 58
Teemu Suninen/Mikko Markkula (FIN/FIN - Ford) 51 (1)
Eric Camilli/Benjamin Veillas (FRA/FRA - Ford) 49
Armin Kremer/Klaus Wicha+Pirmin Winklhofer (GER/GER+GER - Skoda) 46
Nicolas Fuchs/Fernando Mussano (PER/ARG - Ford) 46
Julien Maurin/Nicolas Klinger (FRA/FRA - Ford) 42 (1)
Stephane Lefebvre/Stephan Prevot (FRA/BEL - Citroen) 35 (1)
Quentin Giordano/Valentin Sarreaud (FRA/FRA - Citroen) 27
Jaroslav Koltun/Ireneusz Pleskot (POL/POL - Ford) 26
Gianluca Linari/Nicola Arena (ITA/ITA - Subaru) 22
Scott Pedder/Dale Moscatt (AUS-AUS - Ford) 20
Valeriy Gorban/Volodymyr Korsia (UKR/UKR - Ford) 20
Nil Solans/Miguel Ibanez (SPA/SPA - Peugeot) 20

***

Per quanto riguarda il WRC-3, come detto, è stato Quentin Gilbert (Citroen) a dominare in lungo e in largo. Con 4 vittorie e due terzi posti il francese navigato dal belga Renaud Jamoul aveva già in tasca il campionato al Rally della Catalogna, una tappa in anticipo rispetto alla fine del mondiale. Con un terzo della gare vinte da Gilbert agli altri è rimasto pochino, ma ci sono spunti interessanti su cui mettere luce.



Partiamo dal secondo in classifica, il norvegese Ole Christian Veiby. Le due vittorie conquistate sono state un ottimo biglietto da visita per un classe '96, e quindi giovanissimo soprattutto nel mondo dei rally dove l'età media è sempre un po' più alta rispetto all'automobilismo su pista. Tralasciando il successo in Svezia, dove era l'unico WRC-3 presente, è stata certamente più indicativa la grande prestazione in Galles, terreno ostico per chiunque.

Il terzo posto finale di Simone Tempestini è invece uno dei successi più grandi dell'Italia rallistica '15. Non è una vittoria, è vero: ma due rally conquistati (Polonia e Francia) per un pilota nato nel 1994 sono da accogliere con entusiasmo. I successi di Simone Tempestini sono stati condivisi con il navigatore Matteo Chiarcossi.



Anche altri italiani si sono fatti notare, comunque. Andrea Crugnola/Michele Ferrara hanno vinto il Rally di Germania nella loro classe, ma correndo da soli; per loro sarà stato forse più soddisfacente il secondo posto conquistato in Francia, davanti a Gilbert. L'equipaggio ACI Team Italia Fabio Andolfi/Simone Scattolin ha concluso in sesta posizione nel campionato con un secondo e due terzi posti. A punti anche Damiano De Tommaso/Massimiliano Bosi, Giuseppe Testa/Emanuele Inglesi e Alessandro Re/Giacomo Ciucci.

Da segnalare come non ci siano stati iscritti nei tre rally extra-europei, vale a dire Messico, Argentina e Australia. Questo purtroppo fa diventare il campionato un po' meno "mondiale"...

I successi di Gilbert si sono ripetuti anche nel "Mondiale" Junior, disputato ufficialmente su sette tappe e interamente in Europa (ecco perché ci sono anche qui le virgolette...). Con il successo in cinque occasioni il francese ha chiaramente dominato, lasciando Veiby e il francese Terry Folb sulle restanti posizioni del podio. Simone Tempestini ha lasciato anche qui un segno, con la vittoria di categoria in Polonia.

Classifica finale WRC-3 - top 10 (tra parentesi il numero di vittorie):
Quentin Gilbert/Renaud Jamoul (FRA/BEL - Citroen) 130 (4)
Ole Christian Veiby/Anders Jæger (NOR/NOR - Citroen) 98 (2)
Simone Tempestini/Matteo Chiarcossi (ITA/ITA - Citroen) 81 (2)
Andrea Crugnola/Michele Ferrara (ITA/ITA - Renault) 70 (1)
Terry Folb/Franck Le Floch (FRA/FRA - Citroen) 62
Fabio Andolfi/Simone Scattolin (ITA/ITA - Peugeot) 59
Henrik Haapamaki/Marko Salminen (FIN/FIN - Citroen) 48
Pierre-Louis Loubet/Victor Bellotto (FRA/FRA - Citroen) 34
Jean-René Perry/Joshua Reibel (FRA/FRA - Citroen) 28
Teemu Suninen/Mikko Markkula (FIN/FIN - Citroen)  25 (1)

Il riassunto della stagione 2015: ELMS

L'European Le Mans Series è un punto di riferimento per il mondo endurance europeo, e anche nel 2015 non c'è che dire: l'ACO ha fatto un ottimo lavoro mantenendo intatte le peculiarità di un campionato così importante. Già, perché l'ELMS è di fatto la porta d'ingresso alla 24 Ore di Le Mans per i vincitori delle quattro classi presenti (LMP2, LMP3, LMGTE e GTC).

Un nutrito gruppo di vetture (il cui numero è stato sempre attorno alle 30 unità) ha dato vita a un campionato interessante, con risultati anche inaspettati. Questa griglia, suddivisa quasi equamente tra prototipi e vetture GT, ha insomma fornito al pubblico delle cinque "4 ore" in calendario (Silverstone, Imola, Red Bull Ring, Le Castellet, Estoril) uno spettacolo di pregio.



Nella classe LMP2 l'ultima gara all'Estoril è risultata decisiva per la classifica finale. Il team Jota Sport era in testa alla classifica alla vigilia della gara portoghese, unica squadra all'epoca in grado di finire sul podio in tutti gli appuntamenti e capace di ottenere alla fine quattro pole position. Purtroppo, però, la 4 ore dell'Estoril è stata per loro una tragedia sportiva, dato che con un singolo testacoda si sono esaurite tutte le speranze di portare finalmente a casa il campionato già sfuggito nei due anni precedenti. La maledizione invece continua, e a trarne vantaggio è stato il Greaves Motorsport, che con un secondo posto è riuscito a ottenere i punti necessari per sopravanzare il team connazionale.



Osservando la classifica è strano notare come tra i primi tre piazzati il Greaves Motorsport sia stato il meno presente sul podio (tre volte, contro le 4 del Thiriet by TDS Racing e dello Jota Sport), ma combinando le due vittorie e i due 4° posti come miglior risultato la statistica ha giocato a loro favore. In ogni caso tra primo e terzo ci sono stati alla fine solo quattro punti di differenza, un dato che la dice lunga anche sulla straordinaria equivalenza che c'è stata tra le forze in campo.

Il Greaves Motorsport ha conquistato anche la classifica piloti con Hirsch, Lancaster e lo svedese Wirdheim ex campione di F3000.

LMP2 - Top 5 (tra parentesi il numero di vittorie):
1) Greaves Motorsport, n°41 (GBR - Gibson/Nissan) 93 (2)
- Gary Hirsch (SWI), Jon Lancaster (GBR), Bjorn Wirdheim (SWE)
2) Thiriet by TDS Racing, n°46 (FRA - Oreca/Nissan) 91 (2)
- Ludovic Badey (FRA), Pierre Thiriet (FRA), Tristan Gommendy (FRA), Nicolas Lapierre (FRA)
3) Jota Sport, n°38 (GBR - Gibson/Nissan) 89 (1)
- Filipe Albuquerque (POR), Simon Dolan (GBR), Harry Tincknell (GBR)
4) Krohn Racing, n°40 (USA - Ligier/Nissan) 46
- Niclas Jonsson (SVE), Tracy Krohn (USA), Oswaldo Negri (BRA), Julien Canal (FRA), Olivier Pla (FRA)
5) AF Racing, n°21 (RUS - BR Engineering/Nissan) 33
- Mikhail Aleshin (RUS), Kirill Ladygin (RUS), Victor Shaytar (RUS)

Nella classe LMP3 si è visto il dominio più netto dell'anno con il team LNT. acronimo che sta per Lawrence Neil Tomlinson, attuale proprietario del costruttore Ginetta e vincitore a Le Mans 2006 nella classe GT2. Il telaio Ginetta ha in effetti vinto tutte le gare annuali (con team differenti), lasciando solamente un secondo posto a Estoril alla Ligier del team Graff. Il team LNT ha piazzato due vetture ai primi due posti, con il trionfo della coppia Charlie Robertson/Chris Hoy (per loro 3 vittorie e 3 pole). Robertson è un classe '97 che ha impressionato per la maturità, mentre Sir Chris Hoy è un ex ciclista su pista vincitore di 6 medaglie olimpiche e detentore di 11 mondiali.



Peccato per il duo Villorba Roberto Lacorte/Giorgio Sernagiotto, che dopo due secondi posti consecutivi in Austria e in Francia ha perso ogni opportunità di lottare per il podio finale nell'ultimo round a causa di un problema elettrico.

LMP3 - TOP 5 (tra parentesi il numero di vittorie): 
1) Team LNT, n°3 (GBR - Ginetta) 93 (3)
- Chris Hoy (GBR), Charlie Robertson (GBR)
2) Team LNT, n°2 (GBR - Ginetta) 58 (1)
- Gaetan Paletou (FRA), Michael Simpson (GBR), Mark Shulzitskiy (RUS)
3) SVK by Speed Factory, n°15 (SPA - Ginetta) 57
- Konstantins Calko (LAT), Dainius Matijosaitis (LIT), Jesus Fuster (SPA), Mirco Van Oostrum (NED)
4) University of Bolton, n°7 (GBR - Ginetta) 40 (1)
- Rob Garofall (GBR), Jens Petersen (GER), Morten Dons (DEN)
5) Villorba Corse, n°5 (ITA - Ginetta) 36
- Roberto Lacorte (ITA), Giorgio Sernagiotto (ITA)

Dopo una stagione al top, con due successi conquistati, il team Formula Racing ha sentito un po' di... fiato sul collo all'ultima 4 ore di Estoril! Il team danese con le Ferrari 458 Italia, che aveva 19 punti di vantaggio sui rivali del Marc VDS prima dell'ultima bandiera a scacchi, ha concluso invece avanti di sole 4 lunghezze, grazie a un quinto posto. Così ecco arrivare l'unico successo italiano nell'ELMS 2015, con Andrea Rizzoli. Per il parmense classe '85 è un periodo d'oro, visto che era tornato nell'ELMS con in tasca il titolo Pro-Am 2014 della Blancpain Endurance Series. Quest'anno, insieme a Rizzoli, c'erano Johnny Laursen, 51 anni, e Mikkel Mac, nato nel 1992: equipaggio certo eterogeneo ma ben assortito.

Hanno vinto una gara anche Hassid, Jesse Krohn e Priaulx (BMW, Marc VDS), Carroll, Wainwright, Keen (Porsche, Gulf Racing) e il nostro Alessandro Pier Guidi insieme a Alexander Talkanitsa Sr. e suo figlio, con un successo ottenuto a Imola.



LMGTE - TOP 5 (tra parentesi il numero di vittorie): 
1) Formula Racing, n°60 (DEN - Ferrari 458 Italia) 83 (2)
- Johnny Laursen (DEN), Mikkel Mac (DEN), Andrea Rizzoli (ITA)
2) BMW Sports Trophy Marc VDS, n°52 (BEL - BMW Z4) 79 (1)
- Henry Hassid (FRA), Jesse Krohn (FIN), Andy Priaulx (GBR)
3) AF Corse, n°55 (ITA - Ferrari 458 Italia) 63
- Duncan Cameron (GBR), Matt Griffin (IRL), Aaron Scott (GBR)
4) Gulf Racing UK, n°86 (GBR - Porsche 911) 56 (1)
- Adam Carroll (GBR), Michael Wainwright (GBR), Phil Keen (GBR), Daniel Brown (GBR)
5) AT Racing, n°56 (AUT - Ferrari 458 Italia) 55 (1)
- Alessandro Pier Guidi (ITA), Alexander Talkanitsa Sr. (BLR), Alexander Talkanitsa Jr. (BLR)

L'armata AF Corse non è riuscita a portare a casa il titolo GTC, nonostante la massiccia presenza. Il team italiano ha occupato la classifica dalla 2° alla 4° posizione, con tre vittorie delle quali 2 da parte di Castellacci (coadiuvato in un caso anche da Rino Mastronardi) e 1 con Cioci e Giorgio Roda. A vincere il titolo è però stato il TDS Racing, con una BMW Z4 portata in pista da Dermont, Lunardi e Perera. La compagine transalpina ha vinto due gare e ha ottenuto la pole in tre occasioni, risultando la più costante e anche l'unica ad aver concluso tutti i round in programma.

GTC - TOP 5 (tra parentesi il numero di vittorie): 
1) TDS Racing, n°59 (FRA - BMW Z4) 101 (2)
- Eric Dermont (FRA), Dino Lunardi (FRA), Franck Perera (FRA)
2) AF Corse, n°62 (ITA - Ferrari 458 Italia) 81 (2)
- Francesco Castellacci (ITA), Stuart Hall (GBR), Thomas Flohr (SWI), Rino Mastronardi (ITA)
3) AF Corse, n°64 (ITA - Ferrari 458 Italia) 60
- Francisco Guedes (POR), Mads Rasmussen (DEN), Filipe Barreiros (POR), Adrien De Leener (BEL)
4) AF Corse, n°63 (ITA - Ferrari 458 Italia) 56 (1)
- Marco Cioci (ITA), Ilya Melnikov (RUS), Giorgio Roda (ITA)
5) Massive Motorsport, n°68 (DEN - Aston Martin V12 Vantage) 30
- Casper Elgaard (DEN), Simon Moller (DEN), Kristian Poulsen (DEN)



lunedì 28 dicembre 2015

Il riassunto della stagione 2015: Seat Leon Eurocup

La quinta stagione della Seat León Eurocup ha confermato che questo monomarca è uno dei più in forma d'Europa. Il campionato 2015, sette round con due gare ciascuno, è stato popolato da oltre 30 vetture in un paio di occasioni e ha regalato molto spettacolo. Non è semplicemente una questione di griglia: i piloti dell'Eurocup se le danno per davvero.



Come nel 2014 Pol Rosell ha conquistato il campionato, anche se in modo differente. L'anno scorso lo spagnolo classe '91 aveva battuto i colleghi sul piano della costanza, precedendo ben quattro piloti con più gare vinte; nel 2015 è stato invece lui a sovrastare tutti in quanto a trionfi di tappa con 4 successi, uno dei quali è risultato decisivo.



Non è comunque stato facile per il pilota del Baporo Motorsport conquistare questo titolo. Alla vigilia dell'ultimo round a Barcellona, lui e il norvegese Stian Paulsen erano appaiati a 72 punti, e quindi con uguali probabilità di trionfare nel campionato. A parte loro, solo Mikel Azcona era matematicamente in lizza anche se indietro di 17 punti. Rosell ha fatto esattamente ciò che doveva fare, conquistando prima due punti per il 2° posto in qualifica, e poi vincendo gara 1. Le ultime speranze di Paulsen si sono infrante in gara 2, nella quale comunque ha spremuto oltre ogni limite la propria León, con un incidente a un giro dalla fine.

Prima di elencare gli altri vincitori di tappa, è giusto dare spazio alla vincitrice di una classifica alla quale Seat ha dato molta importanza in questa stagione: il Ladies Trophy. A vincerlo è stata la francese Lucile Cypriano, classe '96. La Cypriano ha vinto gara 2 a Barcellona e ha concluso al terzo posto anche gara 1 all'Estoril (per altro partendo dalla pole position) e gara 1 a Monza. Questi tre ottimi risultati sono stati ampiamente sufficienti per battere le concorrenti, ovvero la svizzera Andrina Gugger (un 7° posto come miglior risultato), la connazionale Marie Baus-Coppens, l'ungherese Edina Bus e Amalia Vinyes Dabad, da Andorra (tutte e tre a quota zero punti).

Lucile Cypriano

A quota due vittorie, oltre a Paulsen, c'è anche Fran Rueda. Lo spagnolo, classe '97, ha vinto due delle prime quattro gare, ma poi è precipitato spesso fuori dai punti concludendo alla fine in 8° posizione. Sembra comunque uno dei migliori piloti spagnoli in prospettiva futura, magari proprio nel mondo delle competizioni turismo.

A quota una vittoria ci sono altri cinque piloti. Lo spagnolo Mikel Azcona ha vinto la gara di apertura a Le Castellet, conquistando il maggior numero di giri veloci nella stagione (cinque), concludendo al terzo posto in classifica; il britannico Alex Morgan ha vinto gara 2 al Nurburgring; il francese Thibault Mourgues ha trionfato a Monza in gara 1 in una sorta di festa transalpina con i compagni di squadra Briché e Cypriano secondi e terzi; l'olandese Loris Hezemans ha battuto tutti al Red Bull Ring (gara 1); Jonny Cocker ha invece vinto la gara-2 casalinga a Silverstone.

L'Italia è stata rappresentata dal team Target Competition (una vittoria con Hezemans e sesto posto finale per Jordi Oriola) e dal team Dinamic SRL che ha conquistato due punti con Stefano Zanini (mentre Marco Pellegrini è rimasto a quota zero).


#SEATLeoneurocup season highlights. Images to remember a exciting year.
Posted by SEAT Sport on Lunedì 2 novembre 2015


La classifica finale (tra parentesi il numero di vittorie):
Pol Rosell (SPA - Baporo Motorsport) 88 (4)
Stian Paulsen (NOR - Stian Paulsen) 77 (2)
Mikel Azcona (SPA - PCR Sport) 66 (1)
Julien Briché (FRA - JSB Competition) 45
Alex Morgan (GBR - Baporo Motorsport) 43 (1)
Jordi Oriola (SPA - Target Competition) 37
Mario Dablander (AUT - Seat Austria) 35
Fran Rueda (SPA - Monlau) 34 (2)
Lucile Cypriano (FRA - JSB Competition) 29 (1)
Shane Williams (RSA - Wolf Power) 24
Mauricio José Hernandez (CRC - Target Competition) 17
Thibault Mourgues (FRA - JSB Competition) 15 (1)
Manuel Giao (POR - Baporo Motorsport) 14
Loris Hezemans (NED - Target Competition) 13 (1)
David Cebrian (SPA - Monlau) 12
Jonathan Cocker (GBR - Wolf Power) 11 (1)
Niels Langeveld (NED - Target Competition) 7
Jimmy Antunes (SWI - Monlau) 6
Norbert Kiss (HUN - B3 Hungary KFT) 5
Jurgen Schmarl (AUT - Target Competition) 5
Andrina Gugger (SWI - Target Competition) 2
Stefano Zanini (ITA - Dinamic) 2
Lourenço Beirão da Veiga (POR - LBV) 1

Il riassunto della stagione 2015: Tutti i trofei continentali Rally FIA

Per me è sempre interessante fare un viaggio nello strano mondo dei rally continentali. Si tratta di un mix eterogeneo di storie, nazioni e visioni che fa fatica a emergere nel racconto del motorsport contemporaneo. Andiamo quindi alla scoperta dei campioni 2015, meritati protagonisti in diversissimi panorami motoristici, lontani parenti del Mondiale Rally mediaticamente coperto e universalmente seguito.

Come da consuetudine, la FIA continua a suddividere il nostro pianeta in sei fette rallistiche, eleggendo campioni continentali in Europa, nell'area Asia-Pacifico, in Africa, in Medio Oriente, in Nordamerica e in Sudamerica.

European Rally Championship - 10 gare/5 diversi vincitori

Voltata la pagina dopo i fasti dell'IRC, nel Campionato Europeo nessun pilota, almeno tra quelli di punta, ha deciso di gareggiare per tutta la stagione. Di conseguenza un numero molto alto di equipaggi ha solcato le strade della serie, per altro prestigiose vista la presenza in calendario di rally storici come l'Acropoli, l'Azzorre, lo Janner, il Barum, il Westhoek, affiancati da altri ottimi percorsi in nazioni lasciate fuori dal mondiale (Cipro, Svizzera, Estonia, Irlanda e Lettonia). A vincere è stato l'equipaggio Kajetan Kajetanowicz/Jaroslaw Baran con una Ford Fiesta del team connazionale Lotos. I due hanno vinto in tre occasioni (due volte nella classifica assoluta, visto che a Cipro ha trionfato il fuori classifica Al-Attiyah) e hanno concluso a podio altre quattro volte. Meglio di Breen/Nagle (Peugeot 208), che però hanno subito tre ritiri e hanno corso spesso nel WRC, disputando una stagione molto allargata rispetto ai colleghi polacchi.

Terzo il russo Lukyanuk, che ha diviso la vettura prima con l'ucraino Chervonenko e poi con il connazionale Arnautov. Per lui due vittorie stagionali in Estonia e al Valais. Una vittoria invece per il ceco Jan Kopecky e per il belga Freddy Loix, intervenuti una tantum nei rispettivi rally nazionali sbaragliando la concorrenza.

Kajetan Kajetanowicz


African Rally Championship - 7 gare/5 diversi vincitori

L'equipaggio formato dal kenyano Jaspreet Singh Chatthe e dall'inglese Craig Thorley ha conquistato il titolo continentale, con tre vittorie assolute. Il pilota di origini indiane ha comunque vinto un campionato nel quale non ci sono stati molti piloti in grado di prendere parte a più di uno o due appuntamenti. Il detentore 2014 Gary Chaynes ha partecipato ad esempio solo al primo rally in Costa D'Avorio, per altro vincendolo.

Il campione 2013 Jassy Singh (Zambia) ha concluso al secondo posto, concludendo secondo in due occasioni. Per lui è stata una stagione difficile, considerando anche alcuni problemi giudiziari che ha avuto (è stato scagionato dalle accuse di aggressione a un impiegato all'ufficio immigrazione a Lusaka).

Una vittoria anche all'equipaggio sudafricano Mark Cronje/Robin Houghton, alla coppia della Tanzania Gerard Miller/Peter Fox e al duo del Madagascar Mamy Patrick "Boom" Solofonirina/Berthin "Berthin" Randriamihaingo. Tutti loro hanno vinto il rally di casa in un continente nel quale la quantità delle iscrizioni è legata soprattutto agli equipaggi nazionali e limitrofi.

Sfortunata invece questa edizione del Rwanda Mountain Gorilla Rally per Giancarlo Davite, ritiratosi a causa di uno scontro con una mucca vagante. Anche Jassy Singh ha chiesto ai vari organizzatori dei rally africani per una maggiore attenzione sui percorsi, il cui monitoraggio è a volte latente con attraversamenti di persone, animali e addirittura vetture in senso opposto rispetto ai rallisti.



Asia-Pacific Rally Championship - 6 gare/3 diversi vincitori

Un assolo dall'inizio alla fine: ecco come si può definire la trionfale stagione del duo svedese Pontus Tidemand/Emil Axelsson (Skoda Fabia), vincitori del campionato Asia-Pacifico con la bellezza di 4 gare vinte e due secondi posti. Anche se non ce ne era veramente il bisogno, visto il vantaggio accumulato con questi risultati, ai fini del punteggio finale pure il secondo posto di Tidemand all'International Rally of Whangarei (Nuova Zelanda) è stato considerato come un primo dato che Ken Block (il reale vincitore) ha corso fuori classifica.

L'unico pilota iscritto all'APRC in grado di battere Tidemand è stato in realtà l'indiano Gaurav Gill, campione 2013. Gill, navigato dall'australiano Glenn MacNeall, ha corso con lo stesso team di Tidemand (il MRF) e con la stessa vettura. Nonostante la vittoria nel Rally della Nuova Caledonia, l'indiano ha concluso al terzo posto in classifica, preceduto dal più costante neozelandese Michael Young.

Due navigatori hanno portato in alto la bandiera italiana in due occasioni, grazie alla vittoria di Alex Gelsomino in Nuova Zelanda insieme a Block, e al terzo posto di Nicola Arena nel Rally del Queensland in Australia conquistato insieme al pilota indonesiano Subhan Aksa


Gaurav Gill e Pontus Tidemand


Middle-East Rally Championship - 8 gare/3 diversi vincitori

Undicesima vittoria nel MERC per Nasser Al-Attiyah, pilota che sta vivendo una fase di carriera davvero emozionante con anche il trionfo nella classifica del WRC-2. Il medagliato olimpico nato a Doha ha vinto sei delle 8 gare del campionato, un dominio che nessuno ha potuto mettere in discussione. Onore quindi a lui e anche al suo navigatore, il francese Matthieu Baumel, e alla sua vettura, una Ford Fiesta RRC.

Le briciole, cioè le gare disputate in Libano e a Dubai, sono state vinte rispettivamente dai libanesi Roger Feghali/Joseph Matar (Ford Fiesta) e dalla coppia Khalid Al Qassimi/Chris Patterson (Citroen DS3). Proprio Al Qassimi ha concluso al terzo posto in campionato, dietro anche ad Abdulaziz Al-Kuwari. Si confermano insomma al vertice i tre big locali, senza molte sorprese.


Al-Attiyah/Baumel


NACAM Rally Championship - 5 gare/4 diversi vincitori

Lo strano campionato del Nord e del Centro America è stato anche quest'anno privo di gare negli Stati Uniti. In realtà era in programma il Rally del West Virginia, poi cancellato. Inoltre pure il Rally Costa del Pacifico (Costarica) è saltato, costringendo la FIA ad accontentarsi di soli cinque appuntamenti. Come nel 2014 il messicano Ricardo Triviño (Mitsubishi Lancer Evo X) ha portato a casa il titolo, con due vittorie assolute (ottenute entrambe nei rally di casa) e altri due podi. In classifica ha preceduto il connazionale Miguel Medina e lo statunitense Dillon Van Way, quest'ultimo vincitore del Rally Panama, navigato dall'inglese Craig Parry.

Gli altri vincitori di tappa sono stati i giamaicani Jeffrey Panton/Michael Fennell (nel Rally Jamaica, per altro) e José Andrés Montalto/Rodrigo Quirós primi al Rally Africa Safari disputato in Costarica.


Ricardo Triviño

CODASUR Rally Championship - 5 gare/2 diversi vincitori

Il campionato continentale del Sudamerica sembra in realtà la serie nazionale paraguaiana. Già, perché la sfida al vertice è stata tra Diego Dominguez e Gustavo Saba, divisi alla fine da soli 4.5 punti. Il vincitore finale, cioè Diego Dominguez (con una Ford Fiesta, navigato dall'argentino Edgardo Galindo), ha conquistato tre rally e collezionato un solo ritiro, proprio nell'appuntamento di casa in Paraguay. Il Rally Trans-Itapua è andato invece proprio al connazionale Saba, navigato da Diego Cagnotti e alla guida di una Skoda Fabia.

A completare la festa paraguaiana è arrivato anche il terzo posto di Alberto Antebi/Victor Aguilera, riusciti a precedere di due punti i rivali uruguaiani Rodrigo Zeballos/Sebastian Dotta. Solo un terzo posto per Federico Villagra, 55 rally valevoli per il WRC disputati, l'ultimo dei quali proprio quest'anno (10° in Argentina con un punto conquistato).


Diego Dominguez

***

Ricapitolando, ecco i campioni continentali 2015:
European Rally Championship - Kajetan Kajetanowicz/Jaroslaw Baran (Ford Fiesta)
African Rally Championship - Jaspreet Singh Chatthe/Craig Thorley (Mitsubishi Lancer Evo X)
Asia-Pacific Rally Championship - Pontus Tidemand/Emil Axelsson (Skoda Fabia)
Middle-East Rally Championship - Nasser Al-Attiyah/Matthieu Baumel (Ford Fiesta)
NACAM Rally Championship - Ricardo Triviño/Marco Hernández (Mitsubishi Lancer Evo X)
CODASUR Rally Championship - Diego Dominguez/Edgardo Galindo (Ford Fiesta)

venerdì 25 dicembre 2015

I regali di Babbo Bernie...



Grazie a un complicato algoritmo basato sul KERS Mercedes questo simpatico e pertinente blog ha potuto scoprire che regali hanno ricevuto le personalità più importanti della F1 odierna. Qualcuno è riuscito anche a vedere (di sfuggita) le fattezze dell'uomo vestito di rosso calatosi dai camini per allietare questa giornata: pare proprio che si tratti di un 85enne basso di statura. Altri lo hanno sentito strigliare le renne con un vago accento inglese.

Torniamo ai regali, però...

Jenson Button: visto che l'anno scorso la befana gli portò la Mclaren-Honda, quest'anno Babbo Natale ha regalato a Jenson un pallottoliere. Sarà utile per determinare il numero di conquiste del post-Michibata.

Toto Wolff: Susie ha annunciato il ritiro anche dalle faccende domestiche, dopo l'addio alle corse. Così a Toto è stata regalata una scopa, utile anche da infilare nel deretano qualora Lewis e Nico dovessero litigare ancora.

Sebastian Vettel: Un nuovo casco Arai è arrivato con le nuove specifiche richieste. Insonorizzato per evitare di sentirlo ancora violentare il mondo della musica con stonatissime imitazioni.

Lewis Hamilton: Un catenone per Roscoe, in vista dell'ingresso di cotal canide nel mondo della musica hip hop con il nome di battaglia "F*ckin' Rosbo".

Fernando Alonso: Un rasoio. Per tagliarsi la barba qualora il 2016 andasse bene oppure per segarsi le vene nel caso si dovesse ripetere un'annata stile 2015.

Sergio Marchionne: Dopo aver comprato la Chrysler, è arrivata in dono una candidatura FIA. Così Sergio potrà specializzarsi nel salvataggio e nel recupero di un'altra vecchia azienda rovinata dalla burocrazia.

Kimi Raikkonen: Nel suo pacco regalo c'era una fattoria parlante con i numeri e i nomi degli animali. Così potrà finalmente imparare qualche parola nuova insieme al figlioletto.

Gene Haas: Natale un po' grigio per lui. Gli è stato infatti recapitato il premio assicurativo sulle vetture costruite per Grosjean e Gutierrez, che è come noto accarezzano i muretti come il Titanic sfiorava gli iceberg.

Daniel Ricciardo: Il solito Natale. Tra i tanti prodotti per la pulizia dentale, citiamo il filo interdentale in carbonio e lo spazzolino turbo motorizzato Renault (che ovviamente si è rotto dopo il primo utilizzo, costringendolo a due ore di penalità fuori dal bagno).

Pastor Maldonado: Quest'anno Pastor è rimasto senza regali: Babbo Natale si è prima schiantato contro il camino della sua casa, e poi è sceso dandogli tutte le colpe. Con lo sguardo triste e ingiustamente colpevole, Pastor ha donato i suoi regali a Charlie Whiting.

Charlie Whiting: Strano Natale a casa Whiting, dove sono arrivate 500000 taniche di petrolio venezuelano, un nuovo apparecchio dentale e del Topexan.

Sergio Perez: Babbo Natale ha recapitato al messicano una nuova partita di peperoncino piccantissimo che potrà nuovamente essere utilizzato per condire la pasta di Nico Hulkenberg.

Nico Rosberg: Oltre alla solita miracolosa lozione per capelli, Nico potrà divertirsi con la sua nuova pista da bowling regolamentare. Sui birilli spicca l'effigie di Lewis Hamilton.

Paul Hembery: Sotto l'albero Paul ha trovato un treno di gomme Michelin perché, come scritto nella sua letterina con le richieste, "durano di più".

Stella Bruno: Alla giornalista RAI sono stati inviati due specialisti della Oxford University Press per pubblicare una speciale versione del dizionario inglese, dedicata esclusivamente alle sue performance linguistiche.

Giedo Van Der Garde: Al pilota olandese è stato portato un volume sull'ipnosi, per convincere Monisha Kaltenborn a dargli quel sedile senza dover firmare contratti ma solo con la forza della mente.

Marcus Ericsson: Babbo Natale ha lasciato sotto l'albero una fornitura di sonniferi annuale, perché con quelle occhiaie è difficile venire a compromessi.

Coso, lì: Il pilota della Manor Marussia del quale mi sfugge ora il nome ha ricevuto in regalo dal suo team una maglietta autografata da tutti i meccanici. Dietro c'è il suo numero, il 28, e al posto del nome una bella X.

Kevin Magnussen: il giovane danese non ha ricevuto i regali. Babbo Natale glielo ha comunicato via mail prima dello scoccare della mezzanotte, come un Ron Dennis qualsiasi...



giovedì 24 dicembre 2015

Il riassunto della stagione 2015: Porsche Carrera Cup italia

Alla fine, il verdetto è arrivato. Riccardo Agostini (Antonelli Motorsport) è stato confermato come campione 2015 della Porsche Carrera Cup Italia. Dopo una stagione colma di polemiche l'italiano può ufficialmente fregiarsi di un titolo che personalmente sentiva già suo. Anche se... non è stato edificante vedere ancora un campionato finito in mano a dei giudici. Almeno non è stato ribaltato l'ordine di classifica, con Agostini arrivato a 183 punti e il francese Côme Ledogar a 182. Proprio il team di Ledogar, lo Tsunami RT, è proprio l'artefice del ricorso del post Mugello.



Il team Tsunami RT aveva richiesto una pena più severa nei confronti di Agostini per una contatto subito da Ledogar proprio nella penultima gara del campionato (cioè la prima del round finale al Mugello). I giudici avevano già comminato ad Agostini una squalifica che lo aveva fatto scivolare al 4° posto, con annesso reclamo da parte di Antonelli (tuttavia subito rigettato). Con una penalità maggiore Ledogar sarebbe passato in testa alla classifica. A parziale consolazione, tuttavia, lo Tsunami RT ha conquistato il titolo a squadre grazie alle migliori prestazioni di Gaidai rispetto ai vari compagni di squadra di Agostini nel team Antonelli.

Il momento del contatto tra Agostini e Ledogar a partire dal minuto 1:54


I due team si sono punzecchiati anche precedentemente all'ultimo round. Ad esempio a Monza, dove c'erano stati identici appelli per penalizzazioni riguardo a tagli di chicane, poi finiti in niente con la conferma delle decisioni dei commissari.

Dal punto di vista statistico è giusto dire che Agostini ha meritato il campionato. Cinque vittorie e otto podi su 13 gare sono la prova delle capacità velocistiche del pilota padovano classe '94. Ledogar, a titolo di confronto, ha vinto meno (in tre occasioni) ma è stato più presente tra i primi tre con undici piazzamenti a podio. Insomma, i due hanno veleggiato appaiati per tutta la stagione, con Agostini in grande spolvero fino alla prima gara di Vallelunga e poi con Ledogar in recupero negli ultimi cinque appuntamenti. La sfida è stata grande tra due giovani piloti dello Scolarship che hanno tutte le credenziali per fare carriera nel mondo del motorsport.

Ledogar e Agostini

Come del resto anche il terzo classificato Mattia Drudi. Drudi, classe '98, ha vinto gara 2 a Vallelunga e ha spesso presenziato sul podio, dimostrando ancora una volta di essere consistente anche a ruote coperte.

Mattia Drudi


Nel 2015 anche la presenza di Stefano Colombo è stata di spicco. Due gare vinte, delle quali una è stata in occasione della gara italo-francese a contorno della 24 Ore di Spa, anche se non è stata assoluta (quattro piloti della Carrera Cup francese lo hanno preceduto). Per il pilota classe '90 è un ritorno nelle posizioni di vertice dopo un 2014 marginale. Ricordiamo infatti che Colombo è stato per due anni protagonista del GT Italiano (campione nel 2012, 2° nel 2013).

Hanno vinto una gara a testa anche Gianluca Giraudi (gara 2, Imola) e Enrico Fulgenzi (gara 1, Mugello). Entrambi fanno parte della storia della categoria, visto che Fulgenzi è stato campione 2013 e che Giraudi - ora 47 anni - è arrivato terzo per due anni consecutivi (2013-2014).

A vincere il titolo riservato ai piloti della Michelin Cup è stato Alberto De Amicis, per altro 8° nella classifica assoluta, con sette vittorie di classe. De Amicis ha vinto la gara di Spa nella sua classe battendo anche i colleghi della serie francese.

Alberto De Amicis

A parte le polemiche finali il campionato è stato discretamente popolato, con una griglia che ha oscillato attorno alle 19-20 presenze di media. E lo spettacolo non è mai mancato...



La classifica finale (tra parentesi il numero di vittorie):
Riccardo Agostini (ITA - Antonelli/Padova) 183 (5)
Côme Ledogar (FRA - Tsunami RT) 182 (3)
Mattia Drudi (ITA - Dinamic) 145 (1)
Gianluca Giraudi (ITA - Antonelli/Torino) 99 (1)
Stefano Colombo (ITA - LEM Racing) 92 (2)
Enrico Fulgenzi (ITA - Heaven) 69 (1)
Aku Pellinen (FIN - LEM Racing) 55
Alberto De Amicis (ITA - Ebimotors) 54
Andrea Fontana (ITA - Ghinzani Arco) 51
Oleksandr Gaidai (UKR - Tsunami RT) 49
Da Sheng Zhang (CHI - LEM Racing) 41
Alex De Giacomi (ITA - Dinamic) 34
Takashi Kasai (JAP - Antonelli/Padova) 25
Marco Cassarà (ITA - Ghinzani Arco) 24
Pietro Negra (ITA - Ebimotors) 23
Hans-Peter Koller (SWI - TAM Racing) 22
Thomas Biagi (ITA - Dinamic) 21
Sergio Negroni (ITA - Antonelli/Padova) 20
Kevin Giovesi (ITA - Ghinzani Arco) 12
Alessandro Bonacini (ITA - Dinamic) 9
Niccolò Mercatali (ITA - Dinamic) 4
Christopher Gerhard (GER - TAM Racing) 1
Andrea Russo (ITA - Antonelli/Padova) 1

mercoledì 23 dicembre 2015

Il riassunto della stagione 2015: Super Trofeo Lamborghini

Il super lavoro di Lamborghini nel Motorsport sta continuando a dare ottimi frutti. Anche nel 2015 il Super Trofeo è stato un successo in termini di spettacolo e di griglia. Con un format ormai definito e il debutto della Huracán LP620-2 Super Trofeo le serie continentali facenti parte del programma sportivo Lamborghini hanno confermato le proprie peculiarità, attirando maggiormente l'attenzione anche a livello mediatico. A parte la serie asiatica, ancora povera in quanto a numeri, la serie europea e quella nordamericana hanno offerto tanti spunti.



La serie Europea, che ha corso sui circuiti di Monza, Silverstone, Paul Ricard, Spa e Nurburgring (oltre alle finali mondiali di Sebring), è quella che ha portato più vetture sulla griglia, superando praticamente sempre la trentina di presenze considerando sia le nuove Huracan sia le vecchie Gallardo alle quali è stata dedicata una classifica riservata.

Il dominatore della serie è stato il finlandese (ma nato a Marbella) Patrick Kujala, classe 1996. Kujala è arrivato nel Super Trofeo dopo due non irresistibili stagioni in GP3, ma si è presto capito che sarebbe stato il suo anno. Pensate: 9 successi su 12 non sono certo casuali! Evidentemente per il giovanissimo pilota dello Young Drivers Program Lamborghini il passaggio dalle monoposto alle ruote coperte non è stato un problema, e così vincendo avrà senz'altro goduto di una visibilità prima irraggiungibile.



Le tre vittorie rimaste sono andate a tre equipaggi differenti. Mavlanov (altro pilota dello Young Drivers Program) e Zampieri, secondi alla fine, hanno vinto la seconda gara del Paul Ricard. Hanno anticipato in classifica per un solo punto il romano Alberto Di Folco, altro classe '96 e vincitore a Spa. Con Di Folco, per altro detentore del titolo Pro-Am '14, la Lamborghini fa en plein sul podio con i piloti del proprio programma giovanile.

A proposito di Pro-Am: Loris Spinelli si è laureato campione totalizzando il maggior numero di vittorie tra i pari classe (3), precedendo i ben più navigati Eskelinen/Snoeks e Amstutz. Spinelli è infatti nato nel 1995 e praticamente è salito sulle Huracan direttamente dai kart, impressionando per la costanza di rendimento. In ogni caso, Spinelli ha portato a casa il titolo grazie anche a due co-equipier come Marco Moscato (con lui due delle tre vittorie) e Riccardo Agostini, anche loro giovani e velocissimi.

Tra gli altri va citata la coppia Schlegelmilch/Stepanov, capace di conquistare la vittoria assoluta in gara 2 alle finali di Sebring (anche se in quel caso sia Kujala sia Mavlanov/Zampieri non hanno avuto l'opportunità di siglare punti). Bobbi, Cozzolino, Giannoni e Pellegrinelli hanno conquistato una vittoria a testa, con Pellegrinelli unico dei quattro ad aver vinto senza condividere l'equipaggio con un altro pilota.

Nella Am vinta dal georgiano Abkhazava gloria per i nostri Faccioni e Silva, con un successo a testa, mentre Andrea Palma (in coppia con la portoghese Carina Lima) ha conquistato la classifica riservata alle Gallardo con un buon vantaggio sul veloce portoricano Ricardo Vera.

Una foto pubblicata da Lamborghini Super Trofeo (@thesupertrofeo) in data:

Classifica Pro - Europa - Primi 10 (tra parentesi il numero di vittorie):
Patrick Kujala (FIN - Bonaldi) 144 (9)
Roman Mavlanov/Daniel Zampieri (RUS/ITA - Antonelli) 91 (1)
Alberto Maria Di Folco (ITA - Raton Racing) 90 (1)
Sergio Campana/Fabrizio Crestani (ITA/ITA - Lazarus) 84
Kei Cozzolino/Shinya Michimi (ITA/JAP - VSR) 81
Florian Spengler (GER - Bonaldi) 80
Patric Niederhauser (SWI - Raton Racing) 72
Edoardo Liberati (ITA - Raton Racing) 60
Giacomo Barri/Alberto Cerqui (ITA/ITA - Imperiale) 55
Isaac Tutumlu (SPA - Leipert) 36

Classifica Pro-Am - Europa - Primi 10 (tra parentesi il numero di vittorie):
Loris Spinelli (ITA - Antonelli) 115 (3)
Mikko Eskelinen/Kelvin Snoeks (FIN/NED - Leipert) 106
Adrian Amstutz (SWI - Konrad) 91 (2)
Raffaele Giannoni (ITA - Automobile Tricolore) 88 (1)
Simone Pellegrinelli (ITA - Imperiale) 86 (2)
Marco Moscato (ITA - Antonelli) 75 (2)
Harald Schlegelmilch/Michail Stepanov (LAT/RUS - Artline Team Georgia) 68 (1)
Milos Pavlovic (SRB - GRT Grasser) 43 (1)
Sebastian Merchan (VEN - Bonaldi) 36 (1)
Jacopo Faccioni/Olly Rae (ITA/AUS - VSR) 31

Classifica Am - Europa - Primi 10 (tra parentesi il numero di vittorie):
Shota Abkhazava (GEO - Artline Team Georgia) 111 (3)
Mark Ineichen (SWI - Konrad) 93 (1)
Jurgen Krebs (GER - Sportech) 87 (1)
Mikhail Spiridonov (RUS - Kinetik) 77 (2)
Eugenio Montez/Sergio Montez (POR/POR - Veloso) 73
Laurent Jenny/Cedric Leimer (SWI/SWI - X Bionic) 72 (3)
Amir Krenzia (ISR - Konrad) 57
Christophe Lenz (SWI - Sportech) 42
Tim Richards (CAN - Toro Loco) 29
Roberto Pampanini (ITA - Sportech) 28




Nella serie nordamericana, per altro anch'essa eccezionale per numero di partecipanti e per il livello complessivo, vittoria in classe Pro per Richard Antinucci (che, ricordiamolo, è il nipote di Eddie Cheever). Il pilota americano nato a Roma nel 1981, un tempo destinato a una carriera nelle monoposto prima di cambiare decisamente prospettiva, ha battuto l'ex F1 Enrique Bernoldi. Il titolo di Antinucci è arrivato con il grande aiuto del nostro Edoardo Piscopo: i due hanno condiviso il volante della Huracan del team O'Gara per buona parte della stagione.

Nella Pro-Am dominio assoluto per Corey Lewis, che ha conquistato il doppio dei punti del duo Sbirrazzuoli/DeGeorge. Le dieci vittorie di classe del pilota di Nazareth rimarranno un primato difficilmente ripetibile.

Nella Am vittoria sul filo di lana per Ryan Ockey (classe '62), solamente tre punti avanti a Jim e Josh Norman. L'ex pilota del Ferrari Challenge ha battuto la famiglia Norman grazie a una vittoria in più (4 contro 3). Il fratello di Ryan, cioè Damon Ockey, ha concluso al terzo posto in classifica.

Classifica Pro - Nordamerica - primi 5 (tra parentesi il numero di vittorie):
Richard Antinucci (USA - O'Gara) 147 (6)
Enrique Bernoldi (BRA - Prestige) 126 (2)
Edoardo Piscopo (ITA - O'Gara) 113 (4)
Justin Marks (Change Racing) 100
Madison Snow (BAD Lambo) 96 (2)

Classifica Pro-Am - Nordamerica - Primi 5 (tra parentesi il numero di vittorie):
Corey Lewis (Change Racing) 174 (10)
Cedric Sbirrazzuoli/Lawrence DeGeorge (STR) 86 (2)
Jeffrey Cheng (GMG Racing) 64
Aaron Povoledo/Joe Courtney (Musante-Courtney) 64
Fernando Barbachano (STR) 64

Classifica Am - Nordamerica - Primi 5 (tra parentesi il numero di vittorie):
Ryan Ockey (O'Gara Motorsport) 139 (4)
Jim Norman/Josh Norman (BAD Lambo) 136 (3)
Damon Ockey (O'Gara Motorsport) 93 (3)
Ross Chouest (Musante-Courtney) 80
John DiFiore (Prestige) 24






Nelle finali di Sebring, con i Pro, i Pro-Am e gli Am delle varie serie in pista assieme, i valori non sono cambiati. Kujala ha vinto la classifica Pro, stilata con la somma dei punteggi delle due gare disputate, conquistando un primo e un secondo posto. La seconda gara Pro è andata a Niederhauser, mentre l'equipaggio Spinelli/Zampieri ha concluso al secondo posto con un 2° e un 3° piazzamento. Nella Pro-Am Corey Lewis ha continuato il dominio vincendo entrambe le gare, e pure nella Am Ryan Ockey ha proseguito nel solco del successo, precedendo l'equipaggio protagonista della serie europea Leimer/Jenny.


martedì 22 dicembre 2015

Il riassunto della stagione 2015: Campionato Italiano Rally

Nove titoli non sono pochi. E se l'ultimo di questi lo conquisti a 50 anni, bèh, allora entri automaticamente nella storia del tuo sport. Parlo di Paolo Andreucci, ancora una volta Campione Italiano Rally alla guida del "suo" fedele marchio Peugeot. Con i loro 4 rally vinti anche nel 2015 l'equipaggio Andreucci/Andreussi è stato l'attore protagonista di un campionato in realtà vittima di una eccessiva frammentazione della specialità e della da tempo avvenuta trasformazione in gara sprint.


Come già ho scritto in passato, il rally ha perso in generale un po' dello spirito endurance che lo caratterizzava un tempo, per ragioni logistiche, mediatiche e soprattutto economiche. Anche in Italia, chiaramente, è così. Sono un sostenitore dei rally lunghi, con prove speciali di diverso raggio e capaci di rivoluzionare le classifiche al sommarsi di imprevisti altrimenti meno probabili con chilometraggi ridotti.

Inoltre penso che sarebbe interessante, anche se totalmente contrario alla moda corrente, aggiungere altri rally con validità per il CIR passando magari dagli 8 attuali a 12, o anche 14 appuntamenti. Con un modello inclusivo, cioè aperto a tante vetture diverse e mirato all'aumento delle iscrizioni. Nel 2015 ci sono stati due rally contrapposti in tal senso: il Sanremo, arrivato a quota 67 iscritti, e il Roma Capitale, con un triste numero di verificati (appena 22).

Ci sarebbe anche il discorso delle decine e decine di classi inventate per tentare di fare chiarezza (o forse per dare un trofeo-contentino a molti insoddisfatti del giochino?) e invece risultate incomprensibili per molti appassionati, ma questo è relativamente poco attinente al lavoro che deve fare Aci Sport per tenere alta l'attenzione sul rally italiano. Si tratta proprio di un problema a monte che solo la FIA può risolvere, cercando di mettere ordine in quella giungla di sigle...

Tornando al CIR, solo un equipaggio ha statisticamente impensierito Andreucci, e si tratta di Scandola/D'Amore con la loro Skoda. Il duo ha vinto in tre occasioni, ma si è ritirato altrettante volte. Questo ruolino di marcia altalenante ha fatto perdere loro la seconda posizione in classifica a vantaggio della coppia BRC Giandomenico Basso e Lorenzo Granai, mai vincitori ma per ben sei volte sul podio (record stagionale comunque eguagliato da Andreucci).

Umberto Scandola e Guido D'Amore

Alessandro Perico, navigato da Mauro Turati, ha invece vinto con la sua Peugeot 208 il primo appuntamento stagionale, cioè il Rally del Ciocco. Quella vittoria aveva regalato loro la testa del campionato, persa poi subito nel rally successivo per mano di Andreucci, da quel momento in avanti sempre al comando.

Giandomenico Basso e Alessandro Perico

Stagione d'oro negli Junior per Michele Tassone, classe '91. Con la sua Peugeot 208 R2 e con il navigatore Daniele Michi ha vinto la classifica di classe in 4 occasioni su 6, steccando solamente al Ciocco (dove comunque arrivò secondo) e disertando il Rally di Roma Capitale.

Michele Tassone

L'unico vero rivale è stato Giuseppe Testa. Il pilota nato nel 1994 e navigato da Emanuele Inglesi ha vinto il primo appuntamento del campionato e ha concluso in seconda posizione per tre volte. La sua unica vittoria stagionale ha quindi rappresentato l'unica "minaccia" all'assolo di Tassone, visto che la vittoria di Corinne Federighi al Rally di Roma Capitale è arrivata senza alcun avversario intorno.

Giuseppe Testa e Emanuele Inglesi


Tassone e Testa hanno concluso il trofeo riservato alle R2 nelle stesse posizioni dello Junior, mentre in R3 Luca Rossetti ha vinto il titolo partecipando solamente a metà degli appuntamenti (per altro vincendo sempre, 4 volte su 4).




Classifica Finale assoluta CIR (tra parentesi il numero di vittorie):
Paolo Andreucci/Anna Andreussi (Peugeot 208 R5) 88 (4)
Giandomenico Basso/Lorenzo Granai (Ford Fiesta R5) 66
Umberto Scandola/Guido D'Amore (Skoda Fabia) 65 (3)
Sebastien Chardonnet/Thibault de la Haye (Ford Fiesta R5) 28
Alessandro Perico/Mauro Turati (Peugeot 208 R5) 27 (1)
Stefano Albertini/Danilo Fappani (Peugeot 208 R5) 18
Nicola Caldani/Sauro Farnocchia (Ford Fiesta R5/Citroen DS3) 18
Michele Tassone/Daniele Michi (Peugeot 208) 17
Stefano Baccega/Valerie Ottaviani e Marco Menchini (Ford Fiesta R5) 15
Gabriele Ciavarella/Giacomo Ciucci (Ford Fiesta R5) 7

domenica 20 dicembre 2015

Il riassunto della stagione 2015: Campionato Italiano GT

Il Campionato Italiano GT ha vissuto un 2015 all'insegna dei grandi numeri. La crescita rispetto al 2013 è molto ben visibile, perché praticamente sono quasi raddoppiate le iscrizioni alle gare del campionato. Con un panorama così roseo fa bene al motorsport italiano. In gara-2 a Imola sono partite 37 vetture, una cifra ragguardevole considerando l'atmosfera economica generale.


Stefano Gattuso si è laureato Campione Italiano GT3 in quel del Mugello, in un weekend apertissimo con numerosi equipaggi in lizza. Il pilota della Scuderia Baldini 27 Network, alla guida di una Ferrari 458 Italia, ha conquistato tre vittorie totali. Una è arrivata in coppia con Lorenzo Casè, con il quale ha corso per i primi 5 appuntamenti stagionali. Delle restanti quattro gare Gattuso ne ha vinte due in coppia con Matteo Malucelli. Gattuso, pilota classe '84 di Sarnico (BG), ha scelto come molti altri piloti di trasferirsi dall'International GT Open al GT Italiano, e nel suo caso i risultati sono stati decisamente migliorati tra il 2014 e il 2015.

Stefano Gattuso

Il tesoretto di team e piloti ritornati in patria è motivo d'orgoglio per ACI Sport, ma è anche una sfida: è necessario per il bene della categoria che tutti rimangano sulle piste italiane e mantengano questo ottimo livello di partecipazione raggiunto.

Ma torniamo alla classifica... Con un finale di stagione in crescendo, Andrea Amici e Marco Mapelli hanno conquistato il secondo posto finale. Il duo di Audi Sport Italia ha vinto in due occasioni e tre dei cinque podi totali li ha ottenuti nelle ultime tre gare. Il team di Nibbiola è quindi tornato al successo dopo oltre un anno, chiudendo la sua striscia negativa e ponendo le basi per il successo in questo 2015 nella classifica dei team (ottenuto anche grazie all'apporto di Dindo Capello e Emanuele Zonzini).

Amici e Mapelli

Sono stati comunque diversi gli equipaggi che hanno recitato ruoli centrali nel racconto del GT Italiano 2015. Mirko Bortolotti e Alberto Viberti hanno vinto tre gare (due delle quali a Monza) con la Lamborghini Gallardo dell'Imperiale Racing; tre successi anche per Matteo Beretta e Alex Frassineti con la Ferrari 458 dell'Ombra Racing; una gara a testa per Vito Postiglione e Vincenzo Donativi (Porsche 911 GT3, Ebimotors), Stefano Comandini e Andrea Gagliardini (BMW Z4, ROAL), Luigi Lucchini e Mirko Venturi (Ferrari 458, BMS Scuderia Italia). Leggendo l'elenco si può azzardare questa considerazione: finalmente il Campionato Italiano GT può di nuovo fregiarsi di avere tra le proprie fila quasi tutti i team più prestigiosi e moltissimi nomi noti tra i piloti. E gli appassionati ringraziano.

Viberti e Bortolotti


Quarto posto finale invece per Giovanni Berton e Niccolò Schirò, nonostante non abbiano marcato vittorie di tappa. Per il duo del Villorba sono arrivati ben sette podi, con una costanza che nessuno è riuscito a replicare (Gattuso, ad esempio, si è fermato a 6 come anche Bortolotti).

La vettura di Gattuso e Malucelli


La classifica finale GT3 - primi 20 (tra parentesi il numero di vittorie):
Stefano Gattuso (Ferrari/Scuderia Baldini 27 Network) 130 (3)
Andrea Amici/Marco Mapelli (Audi/Audi Sport Italia) 116 (2)
Mirko Bortolotti (Lamborghini/Imperiale Racing) 113 (3)
Giovanni Berton/Niccolò Schirò (Ferrari/Villorba) 113
Alberto Viberti (Lamborghini/Imperiale Racing) 110 (3)
Lorenzo Casè (Ferrari/Scuderia Baldini 27 Network) 107 (1)
Matteo Beretta/Alex Frassineti (Ferrari/Ombra) 105 (3)
Vincenzo Donativi/Vito Postiglione (Porsche/Ebimotors) 96 (1)
Emanuele Zonzini/Rinaldo Capello (Audi/Audi Sport Italia) 93
Stefano Comandini/Andrea Gagliardini (BMW/ROAL) 47 (1)
Matteo Malucelli (Ferrari/Scuderia Baldini 27 Network) 45 (2)
Daniele Di Amato (Ferrari/MP1 Corse) 44
Luigi Lucchini/Mirko Venturi (Ferrari/BMS Scuderia Italia) 43 (1)
Max Mugelli (Ferrari/MP1 Corse) 35
Stefano Gai (Ferrari/Ombra) 35
Joel Camathias/Mario Calamia (Porsche/Autorlando) 27
Francesco Sini (Corvette/Solaris) 22
Raffaele Gianmaria (Ferrari/Scuderia Baldini 27 Network) 19
Daniel Keilwitz (Corvette/Solaris) 18
Thomas Biagi (Porsche/Racing Studios) 17

***

Per quanto riguarda la GT CUP (classifica riservata alle vetture in configurazione monomarca), Luca e Nicola Pastorelli hanno portato a casa il titolo con 4 vittorie di classe all'attivo. La loro Porsche 997 Cup, messa in pista dalla Krypton Motorsport, non è stata comunque la vettura più vincente della stagione. Sono stati in realtà i secondi classificati David Perel (sudafricano) e Mirko Zanardini a salire più spesso sul gradino più alto del podio, con cinque successi alla guida della Lamborghini Gallardo del Bonaldi Motorsport. Sulla classifica di Perel e Zanardini pesano quindi i tre zeri rimediati sulle 14 gare disputate, mentre i Pastorelli sono stati più costanti con 13 piazzamenti a punti (di cui solo 12 sono stati considerati validi secondo il regolamento che impone due scarti).

Luca e Nicola Pastorelli

Sono state due, invece, le vittorie di classe per Tommaso Maino e Stefano Selva (Porsche 997, Ebimotors) mentre si sono fermati a un successo le coppie Steven Goldstein/Christian Passuti (Porsche 997, Antonelli), Angelo Fabrizio Comi/Davide Durante (Lamborghini, Imperiale Racing) e Sossio Del Prete/Dario Caso (Ferrari 458 Challenge).

Il gruppo della GTCUP guidato dalla Lambrghini di Zanardini e Perel


La classifica finale GTCUP - primi 20 (tra parentesi il numero di vittorie):
Luca Pastorelli/Nicola Pastorelli (Porsche/Krypton) 155 (4)
David Perel/Mirko Zanardini (Lamborghini/Bonaldi) 143 (5)
Tommaso Maino/Stefano Selva (Porsche/Ebimotors) 143 (2)
Alessandro Baccani/Luigi Venerosi Pesciolini (Porsche/Ebimotors) 113
Steven Goldstein (Porsche/Antonelli) 94 (1)
Sossio Del Prete (Ferrari) 78 (1)
Angelo Fabrizio Comi/Davide Durante (Lamborghini/Imperiale) 68 (1)
Dario Caso (Ferrari) 66 (1)
Christian Passuti (Porsche/Antonelli) 62 (1)
Sabino Marco De Castro (Porsche/Ebimotors) 60
Giuseppe Bodega (Porsche/Drive Technology) 56
Ronnie Valori (Porsche/Ebimotors) 40
Matteo Desideri (Porsche/Antonelli) 27
Giacomo Spezzapria (Porsche) 25
Renato Di Amato (Ferrari/Sport Made in Italy) 25
Gianluigi Piccioli (Porsche) 23
Federico Zangari/Matteo Zangari (Porsche/Ghinzani Arco) 21
Alberto Scilla (Porsche) 20
Andrea Russo (Porsche/Antonelli) 20
Leonardo Geraci (Porsche/Drive Technology) 20